VERGOGNA

data 07 luglio 2011

ImageSiamo disgustati, delusi e arrabbiati!

Disgustati da un consiglio comunale che a giudicare dalla rissa di ieri sera, rassomiglia più al saloon di un film western che ad una istituzione democratica.

Delusi dall’ennesima presa di posizione, o dovremmo parlare forse di scuse campate in aria, da parte del Sindaco del dirigente dell’Urbanistica e dell’assessore che in una occasione così importante era assente per motivi istituzionali, rivestendo una doppia carica assessore/senatore.

Arrabbiati perché ad oltre un anno di distanza dalla delibera del consiglio comunale che approvò le varianti al PRG per la Pillirina e le mura Dionigiane siamo ancora qui a discutere di aria fritta, mentre Sindaco e Dirigente in totale segretezza hanno già stipulato una convenzione con il privato per l’edificazione di 71 ville ed un centro direzionale di 14mt nei terreni sui quali era prevista una delle due varianti al PRG.

Tutto ciò ha dello scandaloso, tenuto conto che lo stesso difensore civico chiese per ben quattro volte nell’arco dei mesi di avere lumi sulle eventuali convenzioni stipulate da parte del comune senza ottenere mai una risposta ed il dirigente Calafiore ieri ha avuto il coraggio di affermare che: “ il consiglio comunale non è stato informato sulla convenzione perché nessuno me lo ha chiesto”.
Un atto che oltre a rischiare di vanificare un anno e mezzo di lavoro svolto dal consiglio comunale, dalla commissione urbanistica e dal successivo tavolo tecnico, rischia di esporre il comune ad un contenzioso con il privato. Tutto ciò in quanto è vero che il dirigente all’urbanistica ha stipulato una convenzione, ma è vero anche che al privato non è stata rilasciata alcuna concessione edilizia.
Tutto ciò senza considerare che oltre a rilasciare una convenzione in una zona nella quale era prevista già da mesi la variante urbanistica, la si è concessa li dove insiste, così come più volte sottolineato dalle associazioni, un vincolo archeologico di in edificabilità assoluta.
Bene, con questo atto se la soprintendenza, seguendo ciò che impone la legge nazionale in vigore da oltre 50 anni, dovesse rilasciare parere negativo, il sindaco e l’assessore in totale e inspiegabile autonomia, avrebbero esposto la città ad un eventuale risarcimento danni che graverà sulle casse del comune e quindi di tutti noi cittadini, così come minacciato ieri a mezzo diffida dai titolari dell’impresa, nei confronti di tutti i consiglieri!

Alla luce di tutto ciò non possiamo che essere delusi da un atteggiamento a dir poco subdolo di quegli stessi consiglieri, soprattutto di maggioranza da sempre proclamatisi a favore delle varianti e che nei fatti prestano sempre il fianco a chi vuole devastare la nostra città rispondendo sempre e solo con dietrologie come “io non c’ero”, “io non l’ho votato” ,“la colpa è di chi c’era prima”…. La storia siamo noi diceva De Gregori e questi signori passeranno tutti alla storia come i nuovi cementificatori, i novelli Attila, coloro che distrussero le speranze di futuro e sviluppo della città di Siracusa massacrando zone come le Mura Dionigiane e la Pillirina in cambio di chissà quali privilegi!!!

Come SOS SIRACUSA sentiamo inoltre il bisogno di una vera e propria operazione verità che chiarisca a tutti ciò che sta accadendo e smentisca tutti coloro che tentano di fare disinformazione sull’argomento. Ieri sera, di nascosto, al palazzo Vermexio sono stati distribuiti dei volantini chiaramente mistificatori sulla vicenda Epipoli nei quali chi vuole costruire si definisce quasi il salvatore della patria e riporta una mappa chiaramente fuorviante nella quale le aree grigie del PRG (parcheggi) sono state colorate di verde riducendo così a quasi un terzo la reale dimensione della zona lottizzabile! (vedi foto allegata sotto)

Download: Lettera originale presentata ai consiglieri comunali (06.07.2011)

vergogna, Siracusa, PRG, Pillirina, Mura Dionigiane, consiglio comunale



I commenti sono chiusi
commento commento di Mario Orecchia del 08-07-2011 ore 02:07:27

Ragazzi siete grandi, e non mi stancherò di apprezzarvi per quello che fate. Bisogna scuotere la coscienza dei siracusani che non hanno più il desiderio di esistere come persone fisiche con diritti ma anche doveri. Una città abituata a delegare ad altri il proprio futuro e quello dei propri figli, ma é giunto il momento per loro(non per me che non vedo futuro per questa città)di destarsi e combattere. Il comune di Siracusa é un'azienda che vive alla giornata senza pianificare il futuro come farebbe una azienda seria ma sopratutto non organizzando il proprio budget di spesa cercando di ottimizzarlo e chiuderlo in attivo. Pertanto, ecco che diventa facile rilasciare concessioni edilizie per incassare soldi nel modo più semplice e gestire alla giornata i propri esorbitanti sprechi. Un comune si deve organizzare come un'azienda sana, cercando di realizzare il meglio in termini di attività, finalizzate a creare voci positive nel proprio budget. Manca la totale volontà da parte del nostro comune a sviluppare progetti come la raccolta differenziata (abbiamo una città devastata dalla sporcizia) progetti di per il turismo (non abbiamo aree demaniali destinate allo sfogo turistico estivo come spiagge, hotel ecc ecc)pertanto per loro e molto più facile fare cassa rilasciando concessioni e cementificando la città. Avrei tanto da dire,sono stanco anche di uscire per non rodermi e vedere tale scempio.