LA PILLIRINA RISCHIA ANCORA… DIVERSI I TENTATIVI DI NEUTRALIZZAZIONE DELLA RISERVA TERRESTRE

data 12 dicembre 2011

ImageDopo oltre un anno di battaglie per la tutela della costa della Pillirina, salvata da un decreto regionale che impone per 2 anni (più altri 2 anni di eventuale proroga) l’inedificabilità totale dell’area in attesa dell’istituzione della Riserva Terrestre della Penisola Maddalena, a Palermo sono diversi i tentativi da parte di alcune società e singoli personaggi di forzare la riserva per favorire la realizzazione dei villaggi turistici.
Sono infatti ben 2 le richieste di riperimetrazione giunte all’Assessorato Regionale per ridurre la zona A della riserva, ai soli 150 mt dal mare (zona SIC) e convertire tutta la restante area in zona B, ovvero pre-riserva.
Ci preoccupano e non poco queste richieste che se confermate darebbero il la all’ennesima operazione di cementificazione selvaggia in una zona che aspetta solo di essere rivalutata dalla istituzione di una riserva naturalistica.
In zona B infatti basterebbe un semplice nulla osta dalla Regione per dare le concessioni necessarie alla costruzione del mega villaggio turistico della Pillirina e trasformare il sogno di avere un oasi naturalistica ad appena un km in linea d’aria dal centro storico di Ortigia, in un giardinetto di appena 150 mt a uso e a disposizione dei turisti del Villaggio Turistico che devasterebbe l’intera area.
Riguardo a tutto ciò, preoccupati per l’avanzata di tali proposte, che definiremmo come un tradimento nei confronti di quelle migliaia di cittadini che si sono espressi a favore del recupero e valorizzazione della Pillirina con l’istituzione della Riserva Terrestre, chiediamo, a nome delle 54 associazioni riunite sotto l’acronimo di SOS SIRACUSA, il rispetto e il mantenimento della perimetrazione proposta dal wwf, l'unica in grado di salvaguardare sufficientemente l'area, nei confronti della quale non accetteremo nessuna deroga o modifica che possa vanificare tutto il lavoro e l’impegno fin qui profuso, consapevoli che tutte le altre proposte mirano a neutralizzare la riserva e le esigenze di tutela che ne sono alla base.

Riperimetrazione che oltretutto andrebbe a cozzare contro le varianti al PRG approvate dal consiglio comunale a tutela della Pillirina e contro lo stesso Piano Paesistico.
Quest’ultimo, da poco presentato dalla Soprintendanza ai beni paesaggistici di Siracusa ed ormai pronto per la firma dell’Assessorato Regionale, prevede la tutela di tutta la zona definita A nella perimetrazione originale e consegnata alla Regione.
Chiediamo quindi che vengano rispettati gli impegni presi a tutti i livelli e ci rivolgiamo anche all’Assessore Regionale Missineo affinché si affretti nella firma del Piano Paesaggistico così come lui stesso ha garantito pubblicamente in occasione del convegno “Salvalarte” di Legambiente, tenutosi presso l’aula magna del Museo Paolo Orsi a Siracusa e dove l'Assessore si impegnò solennemente a firmare il decreto di adozione "un minuto dopo" che il piano fosse arrivato
sulla sua scrivania.


villaggio turistico, Speculazione Edilizia, Siracusa, riserva terrestre penisola maddalena, riserva terrestre, riperimetrazione, Plemmirio, Pillirina, perimetrazione riserva plemmirio



commenti 0 commenti
I commenti sono chiusi